top of page
La divine Polyphonie.JPG

LA DIVINA POLIFONIA

ODO Ensemble, con Claire Merigoux come direttore artistico, e in coproduzione con il Centro Nazionale di Creazione Musicale VOCE di Pigna, diretto da Jérôme Casalonga, invita 3 artisti a esplorare i repertori e la musica della Corsica e dell'Italia, dal Rinascimento al Barocco in un nuovo programma:

 

LA DIVINA POLIFONIA


Dopo la ricerca portata avanti da ODO Ensemble con "MESOGEIOS, il canto delle donne nel Mediterraneo" e la "Primavera del Rinascimento italiano", LA DIVINE POLYPHONIE rivisita il repertorio sacro e profano dalla penisola italiana all'isola della Corsica.

Questo programma si basa su polifonie, monodie e testi in antico toscano (lingua crusca), e su pratiche vocali ancora oggi vive.
Incontro tra da una parte la pratica del canto ornato corso, pieno di raffinatezza e sottigliezza, e dall'altra la ricchezza di una poesia veicolata dalla musica scritta, chiamata colta, come ad esempio l'Ars Nova o l'Ars Subtilior, con temi come Amore o dipinti bucolici.
Questa creazione mette faccia a faccia due voci: una voce maschile specializzata nell'interpretazione della tradizione orale del canto corso e una voce femminile che sublima il repertorio vocale italiano erudito dal XIV al XVIII secolo.
La viola da gamba svolgerà alternativamente il ruolo di strumento armonico e melodico, creando il legame tra le voci, e quello di basso continuo improvvisato nella polifonia, o anche di melodia contrappuntistica.
L'accento è posto sull'arte dell'ornamento e dell'improvvisazione attorno a questi temi spesso fondanti.
Il viaggio poetico attraverso questi due mondi attinge le sue fonti sia da autori anonimi che dai grandi autori del tempo come Petrarca, Dante, Boccacio, Landini, Monteverdi... fino alle Polifonie. Ci introduce alla villanella, terzetti, canzone, frottole, fino al repertorio sacro della polifonia corsa dai manoscritti francescani.

 

Claire Mérigoux - voce

Jérôme Casalonga - voce

Martin Bauer - viola da gamba

bottom of page